Non era la presenza del cubo a preoccuparmi quanto quella di mio fratello, in piedi accanto ad esso.
Ne studiava il rosso, gli spigoli perfetti.

La piazza, nonostante il mese autunnale, fremeva come in periodo natalizio.

– Lo vedi anche tu? – mi chiese
Non riuscivo a distogliere lo sguardo dal rosso di quella forma ideale.
– Nessuno sembra accorgersene – riprese mio fratello

Silenzio.

– Credo sia un’idea, probabilmente neonata – concluse timidamente, a bassa voce.

L’ indomani mattina il cubo era scomparso.

No Comments Yet

Leave a Comment